Tropea, Calabria - Villaggio Camping Costa Verde a Capo Vaticano
It | Eng | De

Villaggio Camping Costa Verde fra Tropea e Capo Vaticano, in Calabria.

Capo Vaticano: origine, storia e leggenda

Leggende, miti e storia legati alle antichissime origini di Capo Vaticano.

Numerose sono le ipotesi sull'origine del nome Capo Vaticano. Storia e leggenda si intrecciano intorno a questo promontorio, e rendono ancor più prezioso il fascino di una vacanza in Calabria a Capo Vaticano. Quello che è certo è che, fin dall'antichità, questo promontorio dell'appennino calabrese, che si tuffa nelle splendide acque del mar Tirreno, ha esercitato un potente fascino su tutti coloro che sono giunti sulle magnifiche spiagge della Calabria tra Capo Vaticano e Tropea. Intorno al nome Capo Vaticano sono così sorte delle leggende, che ancora oggi, grazie allo splendore immutato di questa costa tra il golfo di S. Eufemia e Gioia Tauro, non mancano di stupirci ed aggiungere un tocco di magia alla vostra vacanza in Calabria.

La leggenda fa risalire una prima etimologia di Capo Vaticano ad una radice ellenica: già ai tempi dell'antica Grecia, viveva in una grotta sul promontorio di Capo Vaticano un'indovina, dal nome Manto: ad essa si rivolgevano i naviganti per conoscere il volere delle divinità. Si narra che anche Ulisse, in fuga da Scilla e Cariddi, si sia rivolto alla profetessa per conoscerne gli auspici. Dal greco manteuo, che significa interpretare la volontà divina, e dal nome dell'oracolo, lo sperone roccioso sottostante Capo Vaticano prese nome Mantineo.

Questa leggenda rivive anche in epoche successive: l'asprezza e la bellezza di questi luoghi ha conferito infatti, anche in epoca latina, una certa sacralità legata a questo litorale della Calabria, oggi giustamente ribattezzato Costa degli Dei. Una possibile origine del nome Capo Vaticano è infatti dal latino vaticinum, che significa appunto oracolo, ed è riconducibile alla presenza di una figura in contatto con il volere delle divinità, come l'indovina greca Manto. Un manoscritto del 1736 attribuisce invece al nome Capo Vaticano tutt'altra origine: Scipione l'Africano, che, sul tratto di costa intorno a Capo Vaticano, incontrò e sconfisse il pirata detto Grancane, si avventò su di lui gridando “Abbatte Cane!”. Da qui il nome Batticane o, come riportato da altri documenti settecenteschi, Batticano.

Se il nome Capo Vaticano è ancora oggi circondato dal mistero, è invece assodata la presenza di insediamenti di epoca romana lungo il magnifico litorale di Capo Vaticano. Nelle vicinanze di Capo Vaticano sono infatti rinvenuti significativi reperti archeologici, come tracce di templi, abitazioni, sepolcri, e numerosi oggetti legati alla vita quotidiana ed al commercio, che fanno presupporre l'esistenza di una comunità cospicua legata al commercio marittimo sul tratto intorno a Tropea e Capo Vaticano. Con il passare del tempo, e l'accrescersi delle scorrerie dei pirati saraceni, la popolazione locale è stata costretta a spostare i propri insediamenti dal litorale ai promontori nell'entroterra, che sono poi rimasti, dal medioevo ai giorni nostri, i principali nuclei abitati della costa della Calabria. Oggi Capo Vaticano, ed il territorio limitrofo di Tropea e Ricadi, ambite mete turistiche, stanno risorgendo a quello splendore unico che da tempo, secondo la leggenda, era stato promesso a queste splendide località.

Ed è proprio dalle cime di questi promontori che si apprezza il fascino ancora incontaminato della Costa Bella, o Costa degli Dei, nome che rende omaggio alle bellezze e alle leggendarie origini sacre di Capo Vaticano. Dal fondale roccioso del Mantineo alle spiagge sabbiose della baia del Tuono, alle insenature di Grotticelle e S. Maria. Alzando poi lo sguardo il panorama è impreziosito dalle isole Eolie, Stromboli, Vulcano, e l'Etna della vicina costa siciliana. Capo Vaticano offre, da tutti i punti di vista, uno spettacolo unico che incanta e affascina chiunque abbia la fortuna di posare il proprio sguardo sulla Costa degli Dei. Le bianche spiagge di Capo Vaticano vi accoglieranno per una vacanza in uno scenario unico, ricco di magia, storia e miti leggendari.

Tropea e Capo Vaticano: storia, cucina e altre curiosità

Cipolla rossa di Tropea
Escursioni a Tropea e Ricadi

Villaggio camping "Costa Verde" di Pier Giorgio Terzuolo 89865 - San Nicolò di Ricadi (Vibo Valentia) (© 2003 - 2017)
Tel. 0963/663090 - 335/6883090 - Fax. 0963/663792 - E-mail: info@capovaticano.tv
Web Presence by Axura SRL - Ottimizzato seo da web agency -



Villaggi Tropea Campeggi Tropea

villaggi tropea campeggi tropea villaggi calabria campeggi calabria